Di modelli e approcci decisionali

 

Pratichiamo e conosciamo, anche se parzialmente, due modelli e le loro regole:

  • Autocratico : una persona o un piccolissimo gruppo decide per tutti.
  • Democratico : applica il metodo della maggioranza, l’opzione che riceve più voti, si può anche dire che “vince”, viene scelta come la decisione presa.

Dico che li conosciamo parzialmente perché è raro che ci si soffermi a considerare le dinamiche che vanno creando, i comportamenti, che definisco emergenti, cioè che vanno a supportare le regole ma non sono espressamente richiesti dal metodo.

Anni fa mi sono reso conto che usavo questi metodi per abitudine, come se fossero gli unici esistenti e, allo stesso tempo, mi son reso conto che non mi ero mai chiesto veramente se esistesse un’alternativa. 

Perché cercare un’alternativa?

Perché facilitando “gruppi di persone che si vogliono organizzare per realizzare qualcosa” insieme, una mia semplice definizione di organizzazione, ed usando approcci cooperativi e partecipati di facilitazione, mi son reso conto che questi metodi interrompevano la cooperazione e la partecipazione portando divisione.

  • Nel metodo autocratico chi decide fa sintesi e il resto, francamente, deve adeguarsi. A me manca un pezzo, il processo di sintesi è un momento di apprendimento e trasmetterlo non è come farlo in prima persona, è riservato a pochi. Inoltre è poco trasparente: la decisione può essere influenzata in vari modi oppure possiamo sospettare che qualcuno lo abbia fatto, quel che è certo è che questa possibilità crea già di per sé molte discussioni.
  • In democrazia (che ha scelto il metodo a maggioranza) sembra andare meglio ma la divisione che si viene a creare può essere profonda (un esempio, il referendum sulla Brexit). Non solo: le dinamiche emergenti che sostengono una parte piuttosto che l’altra possono essere davvero molto distanti da una conversazione civile e rispettosa sui valori e i contenuti. Se ci aggiungiamo le regole del marketing, per aumentare i follower della nostra opzione preferita, e la semplificazione che opera… mi guardo intorno e a volte mi chiedo se ce la faremo a superare questo passaggio! (Si, ce la faremo, ma c’è da rimboccarsi le maniche).

Alternative?

Da qualche anno faccio uso del metodo dell’assenso e trovo che i risultati sono molto più di quanto potessi immaginare quando originariamente mi son posto la domanda se esistessero delle alternative.

Non solo, da qualche tempo, ho cominciato a non usare più la parola – metodo – e la sto sostituendo con – approccio – perché trovo che offra ed inviti alla possibilità di “giocarsela” in modi diversi. Perché ogni approccio ha dei lati disfunzionali e dei lati funzionali, qualche esempio? 

Mi limito ai funzionali adesso:

  • un approccio autocratico è funzionale quando si vuole distribuire intenzionalmente autonomia decisionale ad una persona o ad un piccolo gruppo perché possa auto-organizzarsi, entro limiti e mandato definiti. Esempio: un professionista che, una volta concordato l’obiettivo da raggiungere e parametri in cui stare, ha autonomia operativa.
  • un approccio a maggioranza è funzionale per avere un ritorno di informazioni, di dati su un argomento che stiamo elaborando da poche o tantissime persone. Esempio: pensate se il referendum sulla Brexit (dati: 49% contrari e 51% a favore) fosse stato interpretato come un segnale a cui prestare attenzione perché i dati mostravano una nazione divisa su un tema di cruciale importanza sul futuro del paese (tenendo conto inoltre di altri dati: l’affluenza, l’età media, etc…) invece che applicare rigorosamente la regola matematica e considerarla una decisione presa… in una nazione divisa!
  • un approccio con l’assenso è funzionale perchè mi permette di chiedermi, invece dell’essere favorevole o contrario e quindi scegliere da che parte stare, se “vedo motivi importanti per NON fare in questo modo,” mettendo primariamente in gioco le competenze personali invece delle preferenze personali. Valutare se ci sono migliorie o se vediamo pericoli, e poterlo esprimere, mi permette di trovare, più facilmente, una soluzione. A supporto di questo processo c’è un team o un’organizzazione che applica un approccio chiamato Governance Dinamica o Sociocratico.

Acquisire consapevolezza sugli approcci decisionali mi ha offerto l’opportunità di scegliere con più intenzionalità quale sarà il più efficace, di essere consapevole dei rischi che comporta e sapere come affrontarli e prevenirli o intervenire in caso di bisogno.

Aggiungo che mi ha offerto anche l’opportunità di creare spazi di collaborazione e cooperazione molto più ricchi e di valore per gli individui, per i team e infine per le organizzazioni. E non è poca cosa.

Pierre Houben

Esperto di Governance Dinamica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *